Tag

, , , , ,

9788875780869

“I concetti attraverso i quali pensiamo sono fisicamente impressi nelle sinapsi e nei circuiti neurali del nostro cervello. Il pensiero è qualcosa di fisico e i circuiti neurali, una volta stabiliti, non cambiano velocemente o facilmente.
Quando una parola o una frase è ripetuta continuamente per un lungo lasso di tempo, i circuiti neurali che elaborano il suo significato vengono ripetutamente attivati nel cervello.

Mentre i neuroni in questi circuiti si attivano, le sinapsi che connettono i neuroni che costituiscono i circuiti si rafforzano e questi ultimi possono alla fine diventare permanenti, cosa che avviene quando s’impara il significato di una qualsiasi parola nel nostro vocabolario fisso. Imparare una parola cambia fisicamente il nostro cervello e il significato di quella parola vi si fissa.

Per esempio, la parola “libertà”, se ripetutamente associata a temi radicalmente conservatori, può alla lunga essere associata non al suo tradizionale significato progressista, bensì a quello radicalmente conservatore.

La “libertà” viene così ridefinita cervello per cervello.
Dal momento che il pensiero avviene a livello neurale, la maggior parte del nostro pensiero non è disponibile a un’introspezione cosciente. Così che è possibile non conoscere i propri processi mentali. Ad esempio, si potrebbe non essere consci dei principi morali o politici che stanno dietro alle conclusioni politiche che si raggiungono velocemente e automaticamente”.

George Lakoff, La libertà di chi?, p. XV.